Drake raggiunge un nuovo record e diventa il nuovo “sponsor” del Barcellona

Il rapper di Toronto è il primo artista al mondo a superare i 50 miliardi di streaming su Spotify e il suo logo è comparso sulla maglia ufficiale del club
Drake - Astroworld - Courtesy of Republic Records
Courtesy of Republic Records

Poco tempo fa, in occasione del ventesimo compleanno di Shazam, vi avevamo riportato un paio di dati circa i numeri della piattaforma. Riconoscimenti alla mano, l’artista più shazammato di sempre risultava essere Drake. Il rapper di Toronto contava più di 350 milioni di tap premuti per riconoscere una sua canzone, e ora scrive un nuovo record nella storia della musica. È infatti il primo artista al mondo a superare la soglia dei 50 miliardi di streaming su Spotify. Le novità per l’artista più ascoltato in assoluto, però, non sono finite.

Drake è infatti il nuovo speciale “sponsor” del Barcellona. Per il Clasico, lo storico match tra il Real Madrid e il club catalano, i giocatori di quest’ultimo scenderanno in campo con una maglia raffigurante un gufo. Il volatile è il logo del rapper canadese e l’iniziativa fa parte di una partnership tra Spotify e il Barcellona. La squadra, infatti, non indosserà solo il logo di Drake, ma sulle maglie compariranno mano a mano i nomi di altri artisti coinvolti.

La spiegazione al progetto è stata data dai canali ufficiali del club. «Una delle idee principali alla base dell’alleanza tra FC Barcelona e Spotify è quella di unire calcio e musica per entrare in contatto con un nuovo pubblico in tutto il mondo. Entrambi sono in grado di riunire le persone. Per la prima volta la squadra entrerà in campo per il Clasico di domenica indossando una maglia con il logo di un artista di fama internazionale piuttosto che quello del partner principale».

Per celebrare il record di Drake, le maglie da riscaldamento riporteranno sul retro il numero 50, come i miliardi di streaming macinati dal rapper.

Articolo Precedente

Da Vale Pain a Fedez ft. Salmo, le migliori nuove uscite di oggi

Articolo Successivo
PVA_BadDad_Credit_Sebastian_Kapfhammer

Il post-punk non muore mai. Adesso è l'ora dei PVA, con un tocco dance in più

Articoli correlati
Total
7
Share