Guarda in anteprima il video di “Peccato” di Fogg

Nel videoclip, il tema della perdita trova una storia ben definita, dove gli oggetti e le azioni dei personaggi si fanno artefici principali della narrazione
Fogg - Montauk - anteprima
Fogg (fonte: ufficio stampa)

Ci ha presentato il suo mondo con Montauk, primo singolo che ha inaugurato la collaborazione con Pulp Dischi. Ora Fogg ci mostra un’altra parte di sé: venerdì 2 dicembre è uscita Peccato. Accompagna il singolo un videoclip ufficiale che vi presentiamo qui in anteprima.

«Peccato è la canzone con la quale affronto la perdita, di qualunque genere essa sia», commenta Fogg. «Che si tratti di una persona, un luogo o più semplicemente uno stralcio di vita, sento il bisogno di convincermi che la realtà non sia un susseguirsi di eventi irripetibili, e che possa, in fondo, tornare. Mi tornano alla mente le cose a cui tenevo, ciò che volevo conservare a tutti i costi in un luogo sicuro, al riparo dal tempo. La memoria purtroppo non mi basta, mai, e forse è proprio questo il mio Peccato: il bisogno costante di convincermi che la realtà non è quella che si vede».

Il brano è stato composto, scritto e arrangiato da Fogg, prodotto, registrato e mixato da Andrea Ciacchini e masterizzato da Justin Shturtz allo Sterling Sound Studio di Nashville, Tennessee.

Con il videoclip, Fogg propone soltanto una delle possibili interpretazioni del suo brano. Il tema della perdita trova in questa particolare soluzione una storia ben definita, dove gli oggetti e le azioni dei personaggi si fanno artefici principali della narrazione.

In uno scenario di alcuni decenni fa, portuale e degradato, un uomo rivive i momenti di una storia ormai finita cercando di seppellire ciò che, a distanza di una vita, ancora sopravvive. All’interno della stessa scena il protagonista appare anche in un’età diversa, precedente, mescolando metaforicamente il normale trascorrere del tempo.

Guarda in anteprima il video di Peccato di Fogg

Fogg – Bio

Fogg partecipa alle edizioni 2017 e 2021 del Rock Contest di Controradio ottenendo il secondo premio dell’edizione più recente. Nel 2018 figura tra i vincitori di “Mai in silenzio: la musica contro la violenza di genere”. Si esibisce al Combo Social Club, al Nof, al Glue Alternative Concept Space di Firenze, al Caracol di Pisa nonché in numerosi altri club toscani.

Nel 2020 partecipa come artista al Reset Festival di Torino e figura tra i vincitori dell’Underdog Contest del Lumen Festival di Vicenza. L’estate 2021 lo vede impegnato in un mini-tour di nove date in Toscana contemporaneamente alla lavorazione di un disco presso il S.A.M. Recording Studio di Lari, Pisa.

Articolo Precedente

Marracash annuncia il Marrageddon Festival

Articolo Successivo
TuneCore - Andreea Gleeson - foto principale - 1

TuneCore supera i 3 miliardi di dollari di royalties redistribuiti agli artisti: l’intervista alla CEO Andreea Gleeson

Articoli correlati
Zucchero. Crediti: Daniele Barraco
Leggi di più

Zucchero: «Il successo? Una combinazione di cinque fattori all’unisono»

Seduti finalmente vis-à-vis, parlare con Zucchero è stato qualcosa di speciale, al di là dell'incombenza di porre domande sul suo primo ricco album di cover "Discover" (Polydor / Universal Music), in uscita venerdì 19 novembre. Tra aneddoti più o meno conosciuti, l'amore per la terra che lo ha accolto sin da giovane e discorsi sulla fortuna che arriva secondo certe regole, il tempo è volato via
Total
9
Share