Baby Gang è stato condannato dal GUP a 4 anni e 10 mesi di detenzione

L’accusa per il rapper, già detenuto da ottobre per sparatoria, è quella di rapina a mano armata avvenuta nell’estate del 2021
Baby Gang
Baby Gang, foto ufficio stampa

Baby Gang è stato condannato alla pena di quattro anni e dieci mesi con l’accusa di rapina a mano armata dal GUP, Anna Magelli. Il rapper italo marocchino è già detenuto in carcere da ottobre per una sparatoria avvenuta a Milano in cui era coinvolto anche Simba La Rue. Il fatto relativo alla condanna è avvenuto nell’estate 2021 a Vignate, in provincia di Milano. Come riporta Open, quella sera un ragazzo aveva denunciato il fatto che due giovani lo avessero avvicinato mentre si trovava a bordo della sua auto. I due lo avevano minacciato di morte e rapinato. È stato un amico della vittima a riconoscere Baby Gang.


Niccolò Vecchioni, il suo avvocato, ha definito la condanna una valutazione incomprensibile (più del tempo di detenzione richiesto dalla procura di Milano), annunciando che faranno appello. L’avvocato aveva per altro avanzato la richiesta di poter trasferire Baby Gang dal carcere ai domiciliari in una comunità per curare la sua dipendenza dalle droghe. Ma il giudice per le indagini preliminari, Guido Salvini, l’ha respinta. Il Gip ha infatti deliberato che il rapper «ha per scelta rifiutato qualsiasi rispetto delle regole di vita sociale. Anche sfruttando tale scelta in termini di successo personale». Inoltre, sempre come riportato da Open, «la relazione psichiatrica del carcere non segnala alcun elemento psicopatologico di rilievo se non la sua personalità antisociale e narcisistica».

La difesa di Baby Gang ha criticato il provvedimento, in quanto «nega il diritto di cura ad un 21enne e sminuisce la sua condizione patologica. Assumendo che l’uso di droga e alcol sarebbe un fatto “ordinario” da parte di un rapper, e quindi che si tratta di una situazione non meritevole di intervento terapeutico».


Qualche giorno fa, anche Baby Gang ha commentato l’accaduto attraverso una lettera che arriva dal carcere. «Non ci sono giustificazioni per girare armato. Mi sento in colpa per quanto accaduto. La musica è la mia ancora di salvezza e oggi ho davvero paura di perdere l’unica fortuna che ho avuto nella vita».

L’accusa ha invece assolto Baby Gang per una presunta rapina avvenuta tra le Colonne di San Lorenzo e piazza Vetra a maggio 2021. Tra gli accusati anche Neima Ezza e Samy Dhahri, entrambi 20enni.


Articolo Precedente

Gli Eugenio in Via di Gioia cantano la sigla ufficiale del FantaSanremo

Articolo Successivo
Laura Pausini - World Tour preview

Laura Pausini Announced Concerts in Venice and Seville as a World Tour Preview

Articoli correlati

Total
0
Share